+

    A Montefano torna il festival di fotografia

    La fotografia torna protagonista a Montefano e si prepara a presentare la nuova edizione del Festival, intitolato Soggetti Smarriti, nel weekend del 30 settembre/1 ottobre. Il Festival di Fotografia di Montefano, evento che ogni anno celebra la potenza della cooperazione e delle contaminazioni sinergiche nel mondo della fotografia, festeggia il suo ottavo compleanno. Realizzato con il sostegno e il prezioso contributo della Regione Marche, del Comune di Montefano e – da quest’anno – della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata ed organizzato dall’Associazione Effetto Ghergo presieduta da Cristina Ghergo – con Denis Curti come Direttore Artistico e Claudia Scipioni come coordinatrice logistica – il Festival si è affermato come un polo cardine nel panorama fotografico nazionale. Il 2023 vede anche un’altra novità, ovvero l’ingresso di un nuovo partner artistico, l’Accademia di Belle Arti di Macerata.

    Milva, 1976 © Paola Mattioli

    Il cuore del Festival è il premio dedicato al “fotografo delle dive” Arturo Ghergo, un omaggio ai grandi maestri della fotografia internazionale. Tra i vincitori delle edizioni precedenti, ricordiamo nomi illustri come Ferdinando Scianna, Maria Vittoria Backhaus, Piero Gemelli, Giovanni Gastel, Toni Thorimbert, Giuseppe Mastromatteo e Maurizio Galimberti. Ma il premio è stato arricchito negli anni dai lavori di nuove promesse contemporanee: Federico Sorrentino, Alessandro Scattolini, Matteo Natalucci e Federica Mazzieri, Luna Simoncini, Monia Marchionni, Marco Gatta e Noemi Comi, che hanno contribuito a creare una voce espressiva unica, capace di sedimentarsi nella memoria di chi ama questa espressione artistica.

    Peter Ustinov, 1960 © Paola Mattioli

    Il Festival si svolge su più piani operativi, abbracciando sia l’universo digitale che lo scenario fisico. Quest’anno, con il titolo Soggetti smarriti, assume una connotazione strutturalmente ibrida. Oltre alle tradizionali mostre diffuse, workshop, letture portfolio e connessioni progettuali con altri poli espositivi del territorio marchigiano, il Festival propone anche incontri social, dirette streaming e presentazioni di libri, arricchendo l’offerta tematica per il suo affezionatissimo pubblico. Una delle caratteristiche distintive dell’edizione 2023 è la collaborazione con quattro Accademie di Belle Arti nazionali – Macerata, Milano, Roma e L’Aquila – che contribuiranno con i loro migliori corpus fotografici a creare una mostra collettiva, offrendo un viaggio per immagini conturbante e poeticamente tortuoso. Nell’ambito della premiazione, la commissione dell’ottava edizione del Premio Arturo Ghergo ha assegnato all’unanimità il Riconoscimento alla Carriera alla fotografa milanese Paola Mattioli e il Premio Giovane Talento a Ilaria Sagaria, giovane artista sarda. Entrambe le autrici, ognuna secondo il suo personale percorso, hanno contribuito in modo significativo allo sviluppo di un’iconografia antropologicamente intima, capace di trasfigurare la meravigliosa complessità dell’animo umano in scatti dal sapore rivoluzionario.

    Il programma del festival si può consultare qui.

    Alessandro Curti
    Alessandro Curti
    Nato a Milano nel 1991, giornalista appassionato di arte contemporanea e di fotografia in tutte le sue espressioni. Socio di STILL Fotografia, con sede a Milano in via Zamenhof 11. Docente in Storia della Fotografia all’interno del corso di Fashion Design allo IED di Milano. Gia collaboratore e redattore per le riviste mensili IL FOTOGRAFO e N Photography (Sprea Editori) dal 2015 al 2019 e per Rolling Stone Italia, Lampoon e The Pitch.

    Ultimi Articoli

    Events

    Ti potrebbe interesare anche: