+

    «Avere una macchina fotografica significa avere una voce»

    Lo dice Houston Vandergriff, fotografo con la sindrome di Down che, grazie alla fotografia, è in grado di condividere il suo pensiero sul mondo, senza pronunciare una parola. Lo abbiamo intervistato

    Ci sono storie, ed esistenze, che vale la pena conoscere. Che devono arrivare lontano per toccare l’animo di chiunque. Storie che ci aiutano a comprendere la bellezza della diversità.
    Houston Vandergriff è un fotografo, di natura e viaggio, che vive e lavora a Knoxville, Tennesse. Sin da giovanissimo ha viaggiato in tutte le 95 contee del suo Stato natale, il Tennessee, e in 49 dei 50 Stati Uniti, oltre che in 5 province canadesi e in 26 Paesi del mondo. Houston è un ragazzo con la sindrome di Down. A causa del basso tono muscolare, dovuto alla sindrome, il suo linguaggio non è sempre facile da comprendere. Grazie alla fotografia, che ama da sempre, è in grado di condividere e formulare il suo pensiero del mondo senza pronunciare una parola. Attraverso le parole di Katie, la madre, scopriamo la vita e il mondo di Houston.

    Iniziamo dal principio: come Houston ha scoperto la fotografia e quando ha deciso di impregnarsi seriamente in questo lavoro?
    Houston ha sempre avuto una macchina fotografica tra le mani. Quando viaggiavamo, le sue sorelle maggiori disegnavano immagini e scrivevano storie sulle cose che vedevano. Houston, il più giovane della famiglia, spesso non aveva le capacità motorie per scrivere o disegnare. Così gli abbiamo regalato delle macchine fotografiche usa e getta per permettergli di contribuire agli album di famiglia. Durante le scuole medie ha partecipato al progetto fotografico 4-H. Alle superiori è stato leader adolescenziale e finalista statale per il progetto fotografico. Quando si è diplomato e ha iniziato a guardare al futuro, la fotografia di viaggio è stata una scelta naturale. Ha conseguito i certificati di fotografia e di fotografia avanzata presso l’Università del Tennessee Professional Programs. Ciò ha comportato più di 200 ore di lezione, compiti a casa, viaggi sul campo, tutoraggio e revisione del portfolio. Ha lavorato diligentemente per imparare e incorporare le basi dell’illuminazione e della composizione. Ha una capacità naturale di vedere il meglio in una situazione. Ha continuato a lavorare per allenare il suo occhio e i suoi riflessi e per continuare a sviluppare nuove abilità.

    Le sue immagini riguardano in particolare il mondo della natura e i viaggi; cosa attira l’attenzione di Houston?
    Houston non incontra mai un estraneo. È a suo agio nel provare e fare cose nuove. Vive nel Tennessee, negli Stati Uniti, ma la sua macchina fotografica gli apre porte in tutto il mondo. Ovunque la disabilità è vista come una maledizione. La più grande passione di Houston, oltre al wrestling della WWE, è contribuire ad abbattere gli stereotipi obsoleti con la sua macchina fotografica. Gli piace molto visitare luoghi iconici, come il Big Ben di Londra, il Colosseo di Roma, i tulipani in Olanda e la Torre Eiffel di Parigi. Ma gli piace anche uscire dai sentieri battuti ed esplorare nuovi luoghi, persone ed esperienze.

    Houston è un fotografo che viaggia tantissimo per poter arricchire la sua fotografia, ed è una persona molto attiva all’interno della comunità. Come si approccia alle nuove tecnologie?
    Una collega fotografa, Chelsea Northrup, una volta ha detto a Houston: «Hai una bellissima visione della vita e si vede nelle tue foto». Nel 2021, quando il Covid ha cancellato diversi viaggi di famiglia, abbiamo trovato il tempo di scavare tra le sue fotografie. Ha viaggiato in 26 Paesi e in 49 dei 50 Stati Uniti. Ciò che abbiamo scoperto è diventato la base del suo negozio di stampe online.  Nel 2022, Houston ha scoperto il mondo degli NFT (Non-Fungible Tokens) per la sua fotografia. È membro fondatore dell’Artists United Collective, che comprende 26 fotografi provenienti da una dozzina di Paesi, tra cui l’Italia. La prima collezione del gruppo è andata completamente esaurita prima del lancio ufficiale. Non è stato confermato, ma Houston è forse il primo fotografo NFT al mondo con la sindrome di Down.

    Quale significato assume per Houston la fotografia come linguaggio espressivo?
    A causa della sua sindrome di Down, Houston non parla sempre in modo chiaro. La fotografia gli ha dato voce. Houston è un fotografo di viaggio, imprenditore e influencer. La sua fotografia è diventata una piattaforma internazionale per stimolare il cambiamento. Downs & Towns, LLC è un affare di famiglia. Houston lavora dietro la macchina fotografica, mentre io con le sue sorelle lavoriamo dietro la tastiera. Attraverso i vari social media (ad esempio Tiktok, Instagram, Twitter, ecc.) ci impegniamo a cambiare le narrazioni obsolete che circondano la sindrome di Down e la comunità dei disabili.

    Ho letto che a causa della sindrome di Down, Houston, è stato vittima di bullismo. In che modo la fotografia, se lo ha fatto, lo ha aiutato a superare quei momenti dolorosi?
    Quando la parola è difficile, è difficile spiegarsi in molte situazioni. Per Houston, avere una macchina fotografica significa avere una voce. La diversità include la disabilità. In molti Paesi, ancora oggi, i bambini con la sindrome di Down vengono abortiti. In alcuni luoghi il tasso di aborto si avvicina al 100%. Attraverso la fotografia Houston si sforza di mostrare il valore e la bellezza di ogni vita. Come famiglia amiamo restituire quando possiamo. Doniamo una parte dei proventi a organizzazioni che sostengono i bisogni speciali. Inoltre, Houston, dona cartoline fotografiche alle nuove famiglie con bambini affetti dalla sindrome di Down e da altre esigenze speciali. Nell’ultimo anno ha raccolto abbastanza per pagare i servizi igienici accessibili ai disabili di una scuola per disabili in Guatemala; Houston poi ha incontrato gli studenti durante un viaggio nel 2019.

    Cosa vorreste dire a chi guarderà le sue fotografie e leggerà l’intervista?
    C’è una grande bellezza nel mondo, se aprissimo gli occhi per vederla. Ogni persona ha un grande valore. Ogni vita vale la pena di essere vissuta. Ogni momento è degno di essere celebrato. La fotografia permette di farlo. Ancora oggi vengono fatte scelte per minimizzare, o addirittura eliminare, le persone a causa di una disabilità. Houston vuole usare la fotografia per ispirare, educare e sostenere. Diffonde luce e gioia ovunque vada. La sua fotografia gli permette di arrivare ancora più lontano.

    INSTAGRAM
    SITO WEB

     

     

     

    Manuelaannamaria Accinno
    Manuelaannamaria Accinno
    Laureata in Storia e critica dell’arte alll’Università Statale di Milano, amante dell’arte in tutte le sue forme, riserva un occhio speciale alla fotografia. Lavora con alcuni artisti contemporanei, scrivendo testi critici e curando esposizioni personali e collettive. Ha collaborato con Rolling Stone Italia e attualmente scrive per Black Camera.

    Ultimi Articoli

    Events

    Ti potrebbe interesare anche: