+

    Storytelling

    «Avere una macchina fotografica significa avere una voce»

    Lo dice Houston Vandergriff, fotografo con la sindrome di Down che, grazie alla fotografia, è in grado di condividere il suo pensiero sul mondo, senza pronunciare una parola. Lo abbiamo intervistato

    Spaghetti Wrestlers

    Andrea Boccalini ha cominciato a fotografare il mondo del wrestling italiano casualmente. Si è trovato a una festa della birra nella periferia romana, dove tra uno stand e un palco su cui si stava esibendo il sosia di Renato Zero, c’era un ring di combattenti

    Metroman, il supereroe senza pretese che fa cantare le metropolitane di tutto il mondo

    I video in cui strilla e si cimenta in mosse da pole dance hanno fatto il giro del mondo, raggiungendo persino New York. Faccia a faccia con Metroman, il protagonista del video 'Sorriso (Milano Dateo)' di Calcutta

    «La ricerca artistica è un atto meditativo in continua evoluzione»

    Lo dice Alfredo Bernasconi, fotografo professionista con oltre 30 anni di esperienza, che si approccia al mezzo fotografico con assoluta libertà. Lo abbiamo intervistato

    ‘Niewybuch’, foto dei campi militari per bambini in Polonia

    La fotografa polacca Natalia Kepesz racconta il processo di militarizzazione nel suo paese, dove l'addestramento militare comincia dall'infanzia, come se fosse un gioco

    Il reportage di Arianna Todisco tra i Metal Cowboys del Botswana

    La fotografa originaria di Barletta si è recata a Ghanzi, capitale del Kalahari, per raccontare il più grande festival metal di tutta l'Africa, l'Overthrust Death Metal Festival

    ‘Pigeons of Venice’: i piccioni di Venezia “ritratti” da Lucia Buricelli

    Sospeso tra ironia e denuncia ambientalista, il nuovo progetto della fotografa racconta una delle città più famose del mondo da un punto di vista inedito

    ‘The Eraser’: la fotografia di Kriss Munsya come elaborazione del ricordo

    Il progetto del fotografo belga di origine congolese va a ricostruire ed esorcizzare un passato difficile e sofferto fatto di discriminazione razziale, violenza e bullismo

    Il reportage istintivo e itinerante di Barbara Arcuschin

    Da Buenos Aires fino a Russia, Europa e Stati Uniti, l'argentina è alla costante ricerca di elementi di umanità La sua è una fotografia istintiva, senza pregiudizi o forzature, che valorizza la diversità che c'è nel mondo

    Latest articles

    spot_imgspot_img