+

    Cinque mostre da non perdere a gennaio 2024

    Le migliori mostre fotografiche da visitare a gennaio. Da Milano a Roma, passando per la Valle d'Aosta e Venezia

    Helmut Newton – Ara Pacis, Roma
    Fino al 10 marzo 2024, il Museo dell’Ara Pacis di Roma presenta l’esposizione dedicata a uno dei fotografi più amati di tutti i tempi con oltre 200 scatti, di cui 80 esposti per la prima volta in questa rassegna. Elegante, provocatorio, rivoluzionario. A cento anni dalla sua
    nascita, arriva l’ampia retrospettiva HELMUT NEWTON. LEGACY, ideata per celebrare il fotografo (Berlino, 1920 – Los Angeles, 2004). Un viaggio nella sua avventurosa vita attraverso oltre 200 scatti, in parte inediti, riviste e documenti, per raccontare con un nuovo sguardo l’unicità e lo stile di un protagonista del Novecento.

    WEB

    Helmut Newton. Rue Aubriot, Yves Saint Laurent, French Vogue. Paris, 1975 © Helmut Newton Foundation

    Newsha Tavakolian – Mudec, Milano
    Fino al 28 gennaio il MUDEC ospita la grande mostra fotografica And they laughed at me dell’artista iraniana Newsha Tavakolian, vincitrice del prestigioso riconoscimento fotografico Photo Grant di Deloitte, promosso da Deloitte Italia con il patrocinio di Fondazione Deloitte e in collaborazione con 24 ORE Cultura, la direzione artistica di Denis Curti e il team di BlackCamera.

    WEB

    © Newsha Tavakolian, And they laughed at me, Portrait of a journalist in Tehran

    Joan Fontcuberta, Fortuny, Venezia
    Cultura di polvere, a cura di Francesca Fabiani, inaugura la stagione espositiva al Museo Fortuny di Venezia, ospitando dal 24 gennaio al 10 marzo 2024 le dodici light box realizzate da Joan Fontcuberta: esito del dialogo dell’artista catalano con le straordinarie collezioni storiche dell’ICCD di Roma, Istituto nato a fine Ottocento come Gabinetto Fotografico per documentare il patrimonio culturale con fini di tutela e catalogazione.

    WEB

    Joan Fontcuberta
    Joan Fontcuberta- Cultura di polvere – Trauma #3191, light box 100×150 cm, stampa INK JET su pellicola Backlight montata su plexiglass 3mm in scatola di legno nero (profilo 3 x 7 cm), 2022 – © ICCD Roma

    Aldo Fallai – Armani/Silos, Milano
    Una mostra dedicata esplora l’intensa collaborazione artistica tra il designer Giorgio Armani e il fotografo fiorentino Aldo Fallai, durata tre decenni. Organizzata e curata dal grande stilista insieme a Rosanna Armani e Leo Dell’Orco, l’esposizione sarà accessibile al pubblico fino all’11 agosto 2024. Suddivisa in due sezioni, l’esposizione, sponsorizzata anche da Cnmi-Camera Nazionale della Moda Italiana, offre un percorso monografico attraverso oltre 150 opere realizzate tra il 1975 e il 2013.

    WEB

    Gian Paolo Barbieri, Forte di Bard
    Al maestro che ha segnato la storia della fotografia contemporanea di moda e costume, il Forte di Bard dedica Gian Paolo Barbieri Oltre, una grande retrospettiva realizzata in collaborazione con la Fondazione Gian Paolo Barbieri di Milano, curata da Emmanuele Randazzo, Giulia Manca e Catia Zucchetti, fino al 3 marzo 2024 nelle sale delle Cantine. Sono esposte 112 fotografie, di cui ben 88 inedite che spaziano dagli anni Sessanta agli anni Duemila, frutto di un’approfondita ricerca condotta all’interno dell’archivio analogico dell’artista, patrimonio storico culturale, custodito dalla Fondazione Gian Paolo Barbieri.

    WEB

    Lilly Bistrattin in Pomellato, Milano 1971, ©GIAN PAOLO BARBIERI Courtesy of Fondazione Gian Paolo Barbieri.

     

    Alessandro Curti
    Alessandro Curti
    Nato a Milano nel 1991, giornalista appassionato di arte contemporanea e di fotografia in tutte le sue espressioni. Socio di STILL Fotografia, con sede a Milano in via Zamenhof 11. Docente in Storia della Fotografia all’interno del corso di Fashion Design allo IED di Milano. Gia collaboratore e redattore per le riviste mensili IL FOTOGRAFO e N Photography (Sprea Editori) dal 2015 al 2019 e per Rolling Stone Italia, Lampoon e The Pitch.

    Ultimi Articoli

    Events

    Ti potrebbe interesare anche: