+

    La Cina raccontata attraverso lo sguardo di Henri Cartier-Bresson

    Una grande mostra al MUDEC raccoglie oltre 100 stampe originali affiancate a pubblicazioni e riviste d’epoca del grande fotogiornalista francese

    La Cina è un paese vastissimo, con radici plurimillenarie nella storia e, per certi aspetti, ancora sconosciuto nella sua totale complessità. La mostra Henri Cartier-Bresson. Cina 1948-49-1958, ospitata nelle sale del Mudec, visibile fino al 3 luglio 2022 e curata da Michele Fritzot, Ying Lung Su in collaborazione con la Fondation Henri Cartier-Bresson, racconta i due momenti fondamentali della storia cinese: il Kuomintang (1948-1949) e il “Grande balzo in avanti” di Mao Tse-tung (1958).

    Shanghai, fine dicembre 1948 © Fondation Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

    Attimi decisivi che sono stati fotografati, e raccontati, dal grande maestro Henri Cartier Bresson. Nel 1948 Life affida al maestro un reportage su Pechino prima dell’arrivo di Mao. Il soggiorno, da due mesi previsti, durerà 10 mesi. 10 mesi nei quali Henri Cartier-Bresson avrà la possibilità di documentare la storia mentre si compie, le sue tracce e le sue speranze.

    Shanghai, 12 giugno 1949 © Fondation Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

    L’obiettivo del fotografico non si concentrano solo sul passaggio epocale, ma anche e soprattutto sugli effetti negativi della grande rivoluzione: sfruttamento del lavoro, eccessivo controllo militare e propaganda incessante. Luci e ombre della storia che si ritrovano nel suo bianco e nero mai leggero e mai banale.

    Pechino, dicembre 1948 © Fondation Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

    Una grande mostra che raccoglie oltre 100 stampe originali affiancate a pubblicazioni e riviste d’epoca, documenti e lettere provenienti direttamente dall’archivio del fotoreporter francese.

    Manuelaannamaria Accinno
    Manuelaannamaria Accinno
    Laureata in Storia e critica dell’arte alll’Università Statale di Milano, amante dell’arte in tutte le sue forme, riserva un occhio speciale alla fotografia. Lavora con alcuni artisti contemporanei, scrivendo testi critici e curando esposizioni personali e collettive. Ha collaborato con Rolling Stone Italia e attualmente scrive per Black Camera.

    Ultimi Articoli

    Events

    Ti potrebbe interesare anche: